Mostra fotografica sull'allattamento

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

 Su Iniziativa di un gruppo di neo mamme che fanno capo all’Associazione Centro Nascita Serena, www.centronascitaserena.it, è stata allestita una Mostra Fotografica intitolata “ALLATTARE…NUTRIRE D’AMORE”. Si tratta di circa 14 foto, molto  belle e profonde nella loro semplicità, che immortalano le emozioni di momenti cosi intimi  e intensi, che “nutrono d’amore” sia la mamma che il bambino. L’obiettivo è quello di portare l’attenzione sulla semplicità e naturalità dell’allattamento. 

Allattare al seno è un diritto di salute per ogni mamma e per ogni bambino, diritto che non a tutti è dato, perché? Il 97% delle donne può allattare ed una ricerca in Italia dimostra che almeno il 95% lo vorrebbe. Le donne che allattano al seno il proprio bambino sono circa l’80%(dati provvisori 2004 – 2005), ma mente al Nord-est si arriva  ad una percentuale di circa l’86%, l’Italia insulare ha la più bassa percentuale di donne che allatta(74,2%) Affermare che tutte le donne possono allattare può sembrare un’affermazione provocatoria perché nella quotidianità sono troppe le eccezioni, ma è così. Che cosa è cambiato rispetto al passato? E’ cambiato il corpo della donna o è cambiata la società?L’allattamento al seno, non è più una pratica condivisa dal “Clan” familiare di sorelle, zie, parenti. Ormai si parla quasi sempre di famiglie nucleari in cui la donna è sola. La mancanza di un sostegno competente,  attento e rassicurante, ha provocato una regressione dell’allattamento al seno negli ultimi 30 anni, a favore dell’introduzione sempre più massiccia ed impropria di sostituti del latte materno. Ma il latte di formula o artificiale non è, come a volte si vuol far credere, uguale o paragonabile al latte umano,  

E’ importante riappropriarsi  del significato e del gesto di allattare perché in questo modo  la donna ricupera una parte fondamentale del rapporto con suo bambino. Una parte molto “fisica”, tattile, ma non solo, che  consente di rispondere adeguatamente alle esigenze del  bambino che sono diverse in ogni fase della sua crescita ed in ogni momento della giornata.Non sempre l’inizio avviene come mamma e bambino avrebbero desiderato, l’allattamento può non sempre essere facile, oltre ai problemi che ognuna può incontrare, possono esserci momenti di sconforto, di dubbio, di stanchezza, sensi di colpa, ma anche tanti momenti di grande gioia e soddisfazione che renderanno la donna più forte. 

La mostra che si terrà dal 6 all’8 marzo verrà inaugurata martedì 6 marzo alle 17, 30 alla presenza dell’Assessore Comunale alle politiche sociali Cecilia Sechi. Saranno presenti due  ospiti straordinari quali,  Piera Maghella e Sofia Quinterno, massimi esponenti a livello internazionale, le prima sul PARTO ATTIVO e la seconda sull’ALLATTAMENTO AL SENO felici di parlare alle mamme e papà ed di rispondere a tutte le domande sul tema, 

PIERA MAGHELLA - Educatrice prenatale con senior status dell’Active Birth Movement di Londra. Degree universitario City & Guild London in Scienza dell’EducazioneEsperta in movimento strutturale, stretching e tecniche di visualizzazione ed autoipnosi, autrice di numerosi libri.Ha collaborato come consulente con l’Organizzazione Mondiale della Sanità e tiene Corsi di formazione per AUSL. 

SOFIA QUINTERO - Medico, specializzato in salute pubblica. Specialista in salute della donna e allattamentomaterno (Child Health Institute Università di Londra).  Epidemiologia.  Dottorato in Salute Materno Infantile presso l’Università di Trieste. Fa parte del gruppo di lavoro  “Allattamento Materno”  dell’Ospedale Burlo di Trieste.  Ha contribuito a formare e coordinare il Gruppo di Lavoro sull’Allattamento al Seno dell’Ufficio per la Cooperazione Internazionale, che realizza attività di formazione, divulgazione e ricerca. Formatrice del Progetto UNICEF e OMS per la promozione dell’allattamento al seno. E’ autrice di numerose pubblicazioni. 

Il Centro Nascita Serena è un’Associazione  che accompagna le donne e le coppie per tutta la gravidanza e lungo il  percorso di un parto attivo e consapevole. Le donne sono informate già prima del parto sull’importanza dell’allattamento per la salute del bambino, della rilevanza di allattare il bambino nell’immediato dopo  parto, che l’allattamento deve essere esclusivo almeno per i primi mesi di vita e deve essere essere a richiesta e senza limiti d’orario.Fin dall’immediato dopo parto, il Centro offre alla donna un continuo supporto  stimolando e sostenendo l’allattamento materno con l’ausilio di esperti e con gruppi di sostegno formati da donne che allattano ed hanno allattato con successo. Tra le donne che partecipano ai Corsi di preparazione al parto la percentuale di quelle che allatta supera il 95%, mentre per chi non frequenta i corsi sfiora appaena il 78%. Nei mesi che seguono il parto, il Centro continua costantemente a supportare e  rafforzare la donna riducendo così i disagi emotivi non solo nel periodo che segue la nascita, ma in  ogni fase successiva del cambiamento spesso difficile che la travolge nel suo  nuovo ruolo materno, familiare , sociale e lavorativo.