Progetto “in tempo!”

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Entra nel vivo “in tempo!”, il progetto dedicato al tema delle politiche aziendali per la conciliazione tra tempi di vita e di lavoro, promosso e finanziato dall’Ufficio della Consigliera di Parità della Regione Sardegna, nell’ambito delle attività previste per l’anno europeo delle pari opportunità per tutti.

Il progetto, che coinvolgerà le aziende di tutte le otto Province sarde, è il primo del genere che viene attuato in Sardegna a così largo raggio: è prevista un’ampia azione di informazione e sensibilizzazione sul tema     della conciliazione diretta ai responsabili aziendali delle risorse umane, alle lavoratrici/lavoratori ed alle rappresentanze datoriali e sindacali.

L’attuazione è affidata al Dipartimento di Psicologia dell’Università degli Studi di Cagliari ed all’Agenzia regionale per il lavoro.
Flessibilità organizzativa, rimodulazione degli orari, utilizzo dei congedi parentali da parte dei padri, ricorso ai contributi offerti dalla normativa nazionale e regionale per interventi che favoriscano la conciliazione, ed in particolare piena attuazione nelle aziende sarde della Legge 53/2000, fino ad oggi pressoché ignorata: queste le soluzioni che saranno proposte dagli esperti in psicologia del lavoro e processi organizzativi dell’Università di Cagliari e che costituiranno oggetto di confronto tra tutte le parti coinvolte nel progetto.

Dopo un primo incontro organizzativo di partenariato tenutosi lo scorso aprile tra i rappresentanti regionali di CGIL-CISL e UIL e delle associazioni di categoria dei diversi settori produttivi, l’appuntamento è per il 17 maggio, quando ci si confronterà sulle strategie, sui criteri di selezione dei beneficiari e sulle modalità di attuazione del progetto.

L’intervento sarà monitorato attraverso la somministrazione ai beneficiari di questionari di rilevazione, i cui dati, una volta elaborati, saranno presentati durante il convegno finale previsto al termine di dicembre 2007.

Il carattere regionale dell’iniziativa, l’ampio coinvolgimento delle parti sociali, dell’Università, del mondo del lavoro e dell’impresa, e di tutti gli attori necessari all’operatività del progetto, vogliono essere le chiavi per stimolare la dovuta attenzione sul tema della conciliazione vita-lavoro e sulla necessità di immaginare nuovi modi di organizzare il lavoro in azienda, che tengano conto dei profondi mutamenti che negli ultimi decenni hanno attraversato il mondo del lavoro e tutto il sistema sociale. “in tempo!” fa seguito ad una serie di interventi già avviati dall’Ufficio della Consigliera Regionale di Parità, da oltre un anno, quali la partnership nel progetto comunitario 3Moire sul dialogo sociale europeo, che ha visto l’attivazione di un tavolo sperimentale di dialogo e confronto tra le parti sociali proprio su questi temi.

La capillare diffusione nel territorio dell’iniziativa, attraverso i numerosi incontri di partenariato previsti, dovrà contribuire a diffondere, anche in Sardegna, una nuova cultura che ridisegni modelli di organizzazione aziendale e di convivenza sociale validi per le donne e per gli uomini.

Fonte:
Ufficio della Consigliera Regionale di Parità.